I tuoi risultati di ricerca

Superbonus, Entrate: il promissario acquirente ne ha diritto

Pubblicato da SAP RE il 8 Marzo 2022
0

07/03/2022 – “Sto per stipulare un contratto di compromesso per l’acquisto di un appartamento in un condominio. È vero che in qualità di ‘promissario acquirente’ ho diritto ad usufruire del superbonus 110% per i lavori edilizi che inizieranno a breve?”.
 
È la domanda posta da un contribuente all’Agenzia delle Entrate. L’Agenzia ha risposto che, in linea generale, il superbonus spetta ai soggetti che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento in base a un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio.
 La stessa Agenzia conferma che, in presenza dei requisiti e delle condizioni richieste dalla legge per usufruire dell’agevolazione, tra i soggetti aventi il diritto di richiedere la detrazione del 110% rientra anche il futuro acquirente immesso nel possesso dell’immobile oggetto degli interventi agevolati.
 
È necessario, tuttavia – avvertono le Entrate -, che sia stato stipulato e regolarmente registrato un contratto preliminare di vendita dell’immobile.
 
In tale situazione, analogamente a quanto previsto per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, l’Agenzia ritiene che non sia necessaria l’autorizzazione ad eseguire i lavori da parte del promittente venditore, essendo implicitamente accordata con l’immissione anticipata nel possesso dell’immobile.

Fonte: Edilportalte.com

  • Ricerca Avanzata

    € 0 a € 2.000.000

    Altre opzioni di ricerca
  • Calcolatore di mutui

Confronto immobili