Ecobonus al 110 per cento, novità in vista nel decreto maggio 2020

Fonte: Idealista.it

Incentivo potenziato. Il nuovo decreto economico dovrebbe contenere l’ecobonus al 110 per cento fino al 31 dicembre 2021. La misura dovrebbe prendere corpo nel decreto maggio 2020.

Nel dettaglio, l’ecobonus al 110 per cento dovrebbe scattare dal 10 luglio 2020 e durare fino alla fine del 2021. Come sottolineato dal Sole 24 Ore, si tratta di “un credito di imposta al 110% dell’investimento sostenuto dai proprietari di casa (singoli o in condominio) per interventi di risparmio energetico, di realizzazione di pannelli fotovoltaici o di adeguamento antisismico”.

Secondo quanto previsto dal testo relativo a tale misura, non solo gli incapienti, ma anche famiglie e condomini potranno cedere il credito di imposta a banche, assicurazioni o altri intermediari finanziari, oppure “anche alle stesse imprese che realizzano i lavori”.

Un importante intervento per l’edilizia, grazie al quale si auspica di registrare un’impennata di investimenti green “e anche di favorire la trasformazione dell’edilizia in chiave di sostenibilità energetica e ambientale”. Il potenziale di uno strumento come l’ecobonus è enorme, ma ancora non è stato utilizzato pienamente. Si spera che questo nuovo intervento possa dare l’attesa e necessaria spinta.

Come evidenziato dal Sole 24 Ore, “la cessione del credito di imposta viene allargata anche agli interventi di manutenzione e ristrutturazione semplici che oggi sono agevolate con il 50 o il 65%. Una spinta a rafforzare anche gli investimenti ordinari e comunque a costituire pacchetti integrati di interventi”. Cosa significa questo? Significa che “nel caso del rifacimento delle facciate, per esempio, il credito di imposta fissato al 90% in via ordinaria sale al 110% se l’intervento è associato a quelli dell’ecobonus o del sismabonus”.

C’è poi un’altra novità per quanto riguarda gli adeguamenti antisimici. In questo caso è in corso di valutazione una norma “per consentire una detrazione non più del 19% ma del 90% della spesa sostenuta per acquistare una polizza anticalamità sulla casa se contemporaneamente si sarà fatto un intervento antisismico per cui il credito di imposta del 110% sarà ceduta alla stessa compagnia assicurativa”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *